I lati oscuri dell’accordo con l’Iran

iran deal 2 L’accordo per il nucleare iraniano, voluto dagli Stati Uniti e da un gruppo di paesi europei è stato salutato in molti modi: alcuni sostengono che è un successo storico (ad esempio i democratici americani e la delegazione UE), altri – come fa P.G. Battista sul Corriere di oggi – nasconderebbe una trappola. Ovvero le dilazioni offrirebbero comunque a Teheran di avere l’atomica un giorno o l’altro, i tempi saranno molto più lunghi ma in ogni caso questo sarebbe il risultato. E’ molto difficile districarsi in questa contrapposizione e come si suol dire il bicchiere può essere mezzo vuoto o mezzo pieno, dipende dall’ottica con cui si esamina il problema. Non c’è assolutamente dubbio che i “falchi” della trattativa, leggi Israele e Arabia Saudita, non siano affatto soddisfatti del risultato visto che volevano condizioni più dure. La lettura dei documenti ufficiali si presta comunque a varie interpretazioni: sulla carta si tratta di un accordo estensivo e completo, ma nelle pieghe del documento si nascondono molte incertezze che richiederanno tempo e ulteriori trattative. Continua a leggere

Iran-Usa: i retroscena dell’accordo di Losanna

obama iranLa bozza di accordo siglata a Losanna sul nucleare iraniano è stata salutata come un successo storico, considerando che le trattative con Teheran sono iniziate sotto la presidenza del riformista Mohammad Khatami, uscito di scena nel 2005. In questo lungo periodo di colloqui informali o ufficiali ce ne sono stati molti, ma in nessuno è stata finalizzata una bozza di accordo, visto che la distanza fra le posizioni in gioco sembrava incolmabile. L’Iran ha sempre rivendicato il diritto di sviluppare una filiera nucleare civile, ma per anni ha messo i bastoni fra le ruote agli ispettori dell’Agenzia atomica di Vienna, che vigila sul rispetto dei trattati internazionali sotto l’egida dell’ONU. Poi sotto la presidenza Obama è scattato un durissimo regime di sanzioni che ha messo in ginocchio l’economia iraniana, congelando le esportazioni petrolifere e impedendo di fatto transazioni finanziarie attraverso la rete internazionale di istituti di credito. E’ quindi evidente che l’annuncio di Losanna è un grande passo avanti sulla via della distensione, ma l’interpretazione dei testi ufficiali che sono stati diffusi si presta a non pochi distinguo. L’accordo è lontano e saranno necessari molti passi per risolvere aspetti tecnici che vengono considerati determinanti per stabilire la buona fede del governo di Teheran. Continua a leggere